Skip links

ADOTTA UN ARCHIVIO

Recupero fondi e materiali documentari

Con questo motto l’Istituto veneziano per la storia della Resistenza e della società contemporanea (Iveser) lancia un’iniziativa per valorizzare e rendere fruibili numerosi archivi del Novecento veneziano. Sono documenti che narrano e testimoniano una pluralità di vicende ed esperienze che raramente si trovano negli archivi istituzionali: storia e memoria dei movimenti, delle associazioni e di tanti protagonisti, grandi e piccoli, conosciuti e sconosciuti.
In questi anni carte, fotografie, documenti, manifesti sono cresciuti esponenzialmente; le risorse per inventariare e catalogare sono diminuite, altrettanto esponenzialmente.
Tutti possono contribuire per “adottare” un archivio, sia attraverso un contributo economico (anche per sostenere spese di gestione e conservazione) o impegnando il proprio tempo, anche poco, per aiutare a ordinarli e catalogarli.

Scheda riepilogativa dei fondi Iveser

Adottare un Archivio

Un piccolo contributo per tutelare storia e memoria, per vivere il presente e costruire il futuro.

La scelta della forma di “adozione” è libera ed elastica: chi aderisce all’iniziativa può decidere se contribuire attraverso una donazione, di entità variabile, o impegnarsi direttamente nel lavoro di catalogazione (in questo caso si chiede una competenza archivistica di base sotto la supervisione e controllo di un tutor dell’Istituto).
A intervento di recupero avvenuto il donatore è invitato a vederne i risultati; i nominativi di tutti “genitori adottivi” saranno segnalati permanentemente nelle relative schede informative e in un particolare albo pubblicato e posto in evidenza nel sito dell’Istituto.

Genitori adottivi
Dino Doni e Nicoletta Policek nel 2014 hanno “adottato” il Fondo Silvio Stringari

Per gli studenti dell’Università Ca’ Foscari Venezia e dell’Università di Padova invece sono previsti tirocini con il rilascio di crediti formativi.

Vedi Tirocinio in Archivio

37

Send this to a friend